© 2019 by Istituto di Psicosomatica Integrata 

Via Giulio Crescenzi , 3 - 24123 - Bergamo

Tel: 035 0770478

Cel: 348 5452935

Ogni psicosomatologo opera come libero professisonista e con P. IVA personale

Seguici su:

  • White Facebook Icon
  • YouTube - White Circle
  • White Google+ Icon
  • White Twitter Icon

Web design by Sarah Camerino

AREA FRAGILITÀ

CASE MANAGEMENT 

 

Ci sono persone con patologie gravi e pervasive, come disabilità congenite o acquisite (sindrome di Down, spettro autistico, malattie degenerative), che vivono condizioni di vita fortemente difficoltose, legate non solo alla malattia in sé, ma a una posizione de-soggettivante che limita a loro e ai familiari la possibilità di creare un progetto di vita adeguato.

Queste situazioni di fragilità spesso faticano a trovare risposte adeguate ai loro bisogni, oltre a quelle provenienti dalla rete dei sostegni formali e informali disponibili sul territorio, al punto da rimanere in una condizione di isolamento psichico che non consente di riconoscere e individuare le risorse disponibili.

Come migliorare la quotidianità delle persone fragili?

Come affrontare il senso di fallimento e perdita che permea queste situazioni esistenziali?

Come costruire un legame con i servizi e le risorse del territorio?

IL NOSTRO APPROCCIO

 

L’approccio di Psicologia psicosomatica consente di entrare in contatto con i bisogni dei soggetti in condizioni di fragilità e delle loro famiglie. L’obiettivo è di creare un progetto in grado di promuovere dei cambiamenti più funzionali a partire dal riconoscimento dell’unicità della propria condizione, della propria storia e delle proprie possibilità.

Per questo l’Istituto fornisce un servizio di Case Management che, partendo da un’analisi della qualità di vita della persona e delle sue aspettative, si occupa di:

  • Valutare la situazione secondo un’ottica sistemica in cui tutti i membri cooperano al cambiamento.

  • Fornire un ascolto psicologico ai familiari che vivono queste situazioni di fragilità.

  • Realizzare insieme un progetto di vita sostenibile, costruendo nuovi possibili percorsi per lo sviluppo del soggetto fragile.

  • Aiutare a orientarsi all’interno della complessa rete di servizi offerti dal territorio, di cui a volte non si ha conoscenza o che necessitano passaggi complessi per poterne usufruire.

  • Monitorare e sostenere il raggiungimento degli obiettivi prefissati, mediando le relazioni con i professionisti coinvolti nel progetto di vita e sostenendo la persona e i suoi famigliari nell’affrontare passaggi e scelte importanti che si presentano lungo il percorso.